topblog Ivoire blogs

02/02/2013

Expat Christmas 2012

farecollage.jpg

Questo è il secondo Natale che passiamo lontano dai nostri cari. Dalla nostra terra. 

 

 

 

Per me è come se fosse un pò il primo. L'anno scorso infatti l'arrivo di Puffetta faceva vedere tutto con occhi diversi. Lei era il regalo, la novità, la gioia.

 

 

 

Quest'anno ho avuto paura. Paura di deludere le mie (alte) aspettative sul Natale. Paura di non riuscire a trasmettere la gioia di un momento (ed evento) importante alle mie bambine e a mio marito. E ancora di più. Paura di non saperla vivere io stessa questa gioia, di perdere un pò il senso religioso. 

 

farecollage-001.jpg

Può sembrare strano ma quando le tue abitudini che riguardano un avvenimento importante sono legate a delle tradizioni familiari in cui sei nello stesso tempo protagonista e artefice, scoprirti sola a cercare di ricostruirle fa paura. Sola perché Mr. F. è molto preso dal suo lavoro. Partecipa e gode immensamente del clima, ma non posso contare su di lui per costruire questa magia. I fattori tempo e stanchezza non giocano a nostro favore.

 
 
Noi in questi due ultimi anni, oltre che all'assenza delle nostre famiglie, abbiamo sentito molto la mancanza di vacanze per Mr. F. Lui infatti da quando siamo qui non ha avuto la possibilità di  prendere nemmeno un giorno di vacanze. Né durante le feste "comandate" nè in quelle più prettamente "americane" (tipo thanksgiving o 4 Luglio). L'intensità del suo lavoro e il momento delicato in cui siamo lo impegna anche tutti i fine settimana.
farecollage-003.jpg
Quando non si hanno momenti di vacanze familiari, momenti di rilassamento in cui non si è dietro a orologi e scadenze, non c'è tempo nè forze per godere, per divertirsi o per contemplare. E questo si sente.
 
Mr. F. per la prima volta dopo due anni si è preso una settimana (anche se la maggior parte dei giorni è andato comunque quelle due orette). Però sono stati momenti belli, che ci mancavano. Anche se devo dire che non è stato semplice combinare la legittima stanchezza di Mr. F. con la mia voglia (e quella delle bimbe) di fare molte cose assieme e goderci il nostro uomo.

Pensi allora che questa avventura in lontananza fa male al cuore ma nello stesso tempo aiuta a costruire una nuova storia familiare, delle tradizioni che stanno diventando solo nostre. Ci insegna a "bastarci a noi stessi" nel senso buono della frase. A non far dipendere il clima di Natale dalla S. Messa di mezzanotte, dal cenone fatto dalla mamma, dalla visita di amici e parenti, dallo scambio di regali.
 
farecollage-002.jpg
Per me, che non sono certo il genio della creatività e per giunta una pessima cuoca, non è stato affatto facile. Come si può pensare al Natale senza quei cibi afrodisiaci preparati giorni prima?? Senza il dolce della zia, (sì quello alla crema)?? L'aperitivo con crostini, gamberetti e salmone?? I TORTELLINI IN BROOOOOOODO!! OMG, pensavo non potesse esistere un Natale senza dei VERI tortellini in brodo!!
 
Invece è esistito. Ed è stato bellissimo. Non siamo stati alla S. Messa di mezzanotte (qui non ce la possono fare a farla cosí tardi), ma a quella delle 21.30. Ed è stata meravigliosa. Piena di luci e di canti. Non c'è stato un pranzone di Natale ma una gustosissima pasta alla carbonara fatta da Mr. F. Non abbiamo scartato i regali fisicamente vicini a tutti ma li abbiamo aperti in diretta su skype. Non ci sono state le visite dei parenti ma un inaspettato invito a cena da parte di recentissimi amici, espatriati anche loro, e con due figlie coetanee delle nostre due.
 
Ma il pandoro non poteva mancare!

IMG_5527-001.JPG

Alla fine ho detto a Mr. F. "Hai visto che abbiamo passato un felicissimo Natale??" e lui: "Certo, l'abbiamo passato IN famiglia". Ma questo stare in famiglia non è nato dal nulla.

A volte il semplice stare insieme, essere in famiglia, non corrisponde al fare famiglia.

Questo Natale ho voluto alimentare l'attesa. Abbiamo vissuto il calendario dell'Avvento con intensità, ho comprato dei libri a tema con delle illustrazioni dal gusto un pò retró, ho selezionato cartoni animati a tema, ho decorato la casa facendo del mio meglio (il risultato era appena discreto).


farecollage-004.jpg

Ho passato una luunga serata a fare il presepe nella casa delle bambole di Memole.
(Quelli del piano di sotto siamo noi in una versione più capelluta. Come al solito l'idea mi sembrava geniale, mentre la mia realizzazione superava di poco il mediocre. Però al buio con le luci accese l'effetto era migliore).

farecollage-005.jpg

Ho detto immediatamente di sì ad ogni invito natalizio, anche se mi sono scapicollata tra scuola e accompagnamenti.

IMG_5434-001.JPG


Ho comprato i regali in tempo e li ho impacchettati (quasi) tutti prima della notte di Natale.
 
Abbiamo (con Memole) preparato i biscotti di pastafrolla e cioccolato fodente e li abbiamo messi  in pacchetti per regalarli agli insegnanti. Sono venuti duri e farinosi. Oltre che brutti.
Ma come si suol dire l'importante è il pensiero.
 
Ho addirittura partecipato all' "amico segreto" (sì quello che fai il regalo a qualcuno che ti viene assegnato per estrazione. E lui non lo sa) a scuola. Ho dato il regalo con un giorno di ritardo (dopo la festa in cui si svelava chi era chi).
Ma come si suol dire l'importante è il pensiero.
 
Questo è stato il nostro Natale.
 
Un Natale pieno di neve e freddo (tra i MENO 10 e i MENO 18).
 

 

Les commentaires sont fermés.